Michela Andreozzi in “A letto dopo Carosello” – Dal 3 al 22 maggio Roma, Teatro Sala Umberto

12963512_10154230653363949_8156180708545533492_n (1)

ph Barbara Gravelli

La simpaticissima Michela Andreozzi dal 3 maggio‬ salirà sul palco della‪ sala umberto‬ con “A letto dopo carosello” .

12512788_10153960196521826_2101928052761471753_n

 

Dove racconterà la fine degli anni ’70, il decennio più rivoluzionario, entusiasmante ed emozionante della nostra storia.Come eravamo?
Raffaella Carrà duettava con Topo Gigio, dalla Malesia arrivava Sandokan, non perdevamo mai l’appuntamento con l’Almanacco del giorno dopo o con Supergulp . Mentre a scuola la maestra zitella ci terrorizzava facendo l’appello, a merenda mangiavamo pane burro e zucchero, l’austerity ci costringeva alle domeniche in bicicletta, e i pomeriggi si passavano con gli amici giù in cortile.
Ma soprattutto, si andava sempre A Letto Dopo Carosello, tranne il sabato sera, che passavamo tutti insieme sul divano in compagnia di Sandra e Raimondo, Mina, Franca Valeri, Paolo Panelli, Bice Valori; Alighiero Noschese e chi più ne ricorda più ne metta.
A Letto Dopo Carosello è un varietà per attore solo che è diventato ormai un piccolo cult che gira l’Italia in lungo e in largo ininterrottamente da ben 6 anni, come se fosse un album di fgurine, molto amato dalla generazione dei quarantenni, allora bambini, e dei loro genitori.
Era la fne degli anni ’70, il decennio più rivoluzionario, entusiasmante ed emozionante della nostra storia. Un’epoca che fa bene al cuore ricordare, soprattutto in un momento storico in cui c’è bisogno di tenere a mente che siamo stati leggeri, coraggiosi e pieni di fiducia.
E forse possiamo esserlo ancora.

12985415_10153960196481826_6665526081623334006_n
In scena con il Maestro Greggia al pianoforte e il Piji & Bateau Manouche, quintetto jazz swing reduce dai successi mattutini come offcial band dell’Edicola Fiorello, Michela Andreozzi ripercorre i personaggi più amati della televisione e della musica anni ’70 in un viaggio a ritroso nel tempo intriso di tenerezza, comicità e racconti, e intervallato dal gioco interattivo dei jingle pubblicitari, in cui il pubblico viene chiamato a indovinare storici Caroselli e premiato con la mitica caramella Rossana. Immersa nelle atmosfere dell’epoca, dà il suo personale omaggio alle icone di quegli anni, da Franca Valeri a Gabriella Ferri, passando dal bianco e nero al colore, dalla comicità leggendaria del Teatro delle Vittorie al sinistro fascino degli sceneggiati, dalle sigle dei cartoni animati agli eroi dei teleflm, dalle rubriche ai varietà che hanno reso indimenticabile la nostra televisione.

12919619_10153960196191826_5152224672209733002_n
Sullo sfondo la vita reale di quegli anni intensi, così vicini e diversi, e le tragicomiche vicende di una bambina qualsiasi e della sua famiglia, la scuola, gli amici, le vacanze.

Dal 3 al 22 maggio Roma, Teatro Sala Umberto

 

Share Button

Similar Articles

Lascia un commento

Top