’O sole”, il nuovo singolo di Stefano Artiaco scritto da Federico Salvatore e Sal Da Vinci

’O sole”, il nuovo singolo di Stefano Artiaco scritto da Federico Salvatore e Sal Da Vinci

13151686_10208110189986238_4567451004216413054_n
 IL NUOVO VIDEO   “O’SOLE” NUOVO ED UNICO SINGOLO INEDITO INSERITO NEL  PRIMO ALBUM DI CLASSICI NAPOLETANI “SCUSATE IL RITARDO” TITOLO TRATTO DALL’OMONIMO FILM DI MASSIMO TROISI ED AZZECCATO IN QUANTO ARRIVA DOPO TRENT’ANNI DI CARRIERA (7 ALBUM E 4 CD SINGOLI IN ITALIANO) IN VENDITA IN PRODOTTO FISICO IN TUTTI I NEGOZI DI DISCHI IN ITALIA,NEL MONDO SU AMAZZON.COM ED IN EUROPA SU AMAZZON.IT,MENTRE IN DIGITALE SU ITUNES,EMUSIC E TUTTI GLI ALTRI STORE DEL MONDO. PROSSIMI CONCERTI: NAPOLI ,ROMA E MILANO


 

Il brano, che esce a due anni esatti dalla pubblicazione di “Senza di lei”, prodotto e distribuito etichetta indipendente “Suono Libero Music” di Nando Misuraca, è scritto a due mani da Federico Salvatore e Sal Da Vinci. L’arrangiamento, invece, è affidato al maestro Alterisio Paoletti (Al Bano, Ranieri, Bocelli, Il Volo etc.). che ha disegnato per l’artista partenopeo un perfetto incastro di ritmica ed archi dove la melodia mediterranea compostaesplode potente nella vocalità matura e sabbiata di Artiaco. Il relativo videoclip (ideato dallo stesso Misuraca con la regia di Marco Pesacane) è un acquerello di microstorie umane tutte “Made in Napoli” che conducono lo spettatore in un viaggio attraverso la straordinarietà dell’essere normali.

l  videoclip (ideato dallo stesso Misuraca con la regia di Marco Pesacane)

Nel  del progetto fra i recitanti anche l’attore-blogger Duilio Vaccari e Linda Suarez , editrice del mensile PinkLifeMagazine .

La storia musicale di Stefano Artiaco inizia nel 1993 quando, nei paesi del Benelux, viene pubblicato l’album “Artiaco” che scala immediatamente i vertici delle classifiche, anche grazie ad uno dei brani contenuto nell’LP intitolato “Miro'”. Due anni piu’ tardi, nel 1995, anche l’Italia si accorge della sua vena artistica e del suo carisma: e’ di questo periodo, infatti, la pubblicazione dell’album “Mille amori”, prodotto da Luigi Albertelli ed edito dalla Durium-Ricordi. Un progetto in grande stile che vede la partecipazione di alcuni dei musicisti piu’ importanti del panorama musicale italiano: Demo Morselli, Aida Cooper, Claudio Pascoli, Amedeo Bianchi e Mauro D’Addato. In poche settimane l’ LP assurge ai vertici di numerose classifiche radiofoniche e la presenza di Stefano Artiaco in numerosi programmi in onda sulle principali emittenti nazionali ed internazionali, come Rai, Mediaset, Rai International, BNR (Bulgarian National Radio) , Twistgr (Bulgaria), Radio SBS, Radio Rete Italia, Radio North West e Canale 31( Australia), Radio Citrica (Argentina), Match music, Video e Radio Italia, Isoradio, Radio Kiss Kiss,”Uno mattina”, due edizioni di “Napoli prima e dopo”, “Neapolis”, “Girofestival”, “Il mercato del sabato”, “Il piu’ bello d’Italia”, “Domenica In”, “Il festival di Napoli” , ” Cristianita’ “, “La stella d’europa”, “Premio Alex Baroni”, solo per citarne alcune, sancisce la risposta positiva del pubblico di tutto il mondo. Nel 2000 l’artista ritorna sulle scene musicali italiane con il singolo “Lacrime e pioggia”, cover in italiano di “Rain and Tears”, etichetta Rima – distribuzione Self, che contiene anche la versione dance remix dei Din Project: in entrambi i casi si avvale dell’ intervento del rapper Walter Ego. Nel 2001 viene pubblicato l’album “Il canto delle stelle”, prodotto da Gianfranco Caliendo per la Rima Record, distribuzione Itwhy, nel quale e’ contenuto “Lacrime e pioggia”. “Il canto delle stelle” e’ stato distribuito in contemporanea anche in Belgio, Olanda e Lussemburgo su etichetta Hebra Music-Disky ed in Australia, su etichetta Colossal Records. Nel giugno del 2003 viene pubblicato, ancora, un nuovo cd singolo intitolato “Mandy ” etichetta discografica Splash, cover in italiano di un classico della musica anni ’70, lanciato da Barry Manilow e il grande successo del brano ha fatto si che esso fosse scelto, per tre anni, come sigla introduttiva del programma “Italiani nel mondo festival”, trasmesso su molte reti nazionali ed entrasse successivamente nelle classifiche dei download piu’ gettonati e nella Hit Parade italiana. Nel 2004 Stefano Artiaco realizza l’album “Riflessioni”, la cui produzione esecutiva e’ ancora una volta affidata a Luciano Giangrande, quella artistica a Peppino Di Capri e la direzione musicale a Gianfranco Caliendo, su etichetta Splash, distribuzione Itwhy (Italia) e Colossal Record (Australia), la cui promozione lo porta a compiere lunghe tournee in Paesi come l’America, l’Australia, il Canada, la Francia, il Belgio, scandite da un successo dopo l’altro, che lo confermano un artista di fama internazionale, molto amato dal suo pubblico. Del dicembre 2006 il suo nuovo singolo “Senza di lei”, cover in versione italiana della celeberrima “All by myself”, portata ai vertici di tutte le classifiche mondiali negli anni ’70 da Eric Carmen: il cd di Stefano Artiaco viene distribuito esclusivamente on line, come tutti gli album precedenti, digitando il sito www.mondadorishop.it e su tutte le altre piattaforme musicali internazionali. La direzione artistica del brano e’ affidata anche questa volta a Gianfranco Caliendo e Peppino Di Capri, mentre i produttori esecutivi sono Paul Failla per la Paulmar Australia. La regia del video di “Senza di lei” e’ affidata invece a Amedeo Veneruso, mentre le riprese sono di Giancarlo Lombardi. Il 2009 e’ l’anno dell’ultimo album ” Cantico d’amore”, prodotto dalla Paulmar L.T.D. Australia, distribuito in Italia su etichetta Blue & Blue-Halidon ed in Australia su etichetta Colossal Records, con diffusione on line internazionale. Ancora una volta, la produzione artistica e’ affidata a Gianfranco Caliendo e Fabio Balestrieri: per la sua realizzazione, Artiaco si avvale di grandi autori internazionali quali Luigi Albertelli, Gatto Panceri, Gianfranco Caliendo, Marco Ferradini, Vladimiro Tosetto e della collaborazione di affermati musicisti come Phil Good, Lele Melotti, Vittorio Riva, Maurizio Fiordaliso e Mirko De Grandis. Dal suddetto album, viene estratto il singolo “Gli uomini del mondo”, presentato nei concerti live in prima mondiale in Australia, con la partecipazione del gruppo aborigeno DESCENDANCE ABORIGINAL. La regia del relativo video viene affidata a Paul Failla, mentre le riprese ed il servizio fotografico a Joe Vittorio. La musica italiana, che si fonde per la prima volta con quella aborigena, viene premiata dal governo australiano con un Adwards per la diffusione multiculturale. In Italia la canzone “GLI UOMINI DEL MONDO” e’ ormai stabile ai vertici della classifica italiana di vendite HIT PARADE (FIMI) per tre mesi (dalla 50esima settimana 2008 alla 8va settimana 2009). Nel 2012 esce il nuovo singolo “Nathalie” contenente anche la versione inglese de “Gli Uomini del Mondo” – “All the people of the world” – con i due videoclip allegati al singolo, le cui riprese sono realizzate dal regista Davide Fontana in collaborazione con Oscar Ferronato. La realizzazione musicale e’ affidata alla produzione di Alterisio Paoletti, per la Fox Production&Music.

Share Button

Similar Articles

Lascia un commento

Top