You are here
Home > Moda > Saporì: pizza e qualcos’altro!

Saporì: pizza e qualcos’altro!

Saporì: pizza e qualcos’altro!

Nell’incantevole scenario offerto dal costone di tufo a picco sul mare su cui sorge Vico Equense (porta di ingresso della penisola sorrentina), ha inaugurato nei giorni scorsi una nuova pizzeria… un pizzeria molto particolare, a dire la verità!10

In questo incanto di terra sospeso tra cielo e mare, i proprietari dell’Hotel Angiolieri (location di gran classe affacciata sul golfo di Napoli) hanno pensato di rinnovare la tradizione della pizza vestendola di nuovo.1

 

2 3

“Cosa si potrà ancora dire e fare con la pizza?” vi chiederete: in effetti, di questo alimento che è diventato la bandiera non solo di Napoli ma dell’Italia intera, sembrerebbe essere già stato fatto e detto tutto. O no?

La nuova pizzeria (e credetemi, definirla “pizzeria” è riduttivo) si avvale prima di tutto della maestria, dell’esperienza e della passione (valore aggiunto fondamentale) di Gianfranco Iervolino, maestro pizzaiolo pluripremiato: nato a Torre Annunziata, frequenta l’Istituto Alberghiero di Vico Equense, lavora prima in Inghilterra, poi rientra nella sua terra dove inizia un percorso di sperimentazione di farine e impasti che gli valgono numerosi premi e riconoscimenti.

4

Della sua esperienza e della sua grande passione si avvarranno i proprietari di “Saporì: pizza e qualcos’altro”. Ecco, è proprio in quel “qualcos’altro” che risiede la particolarità di questa nuova location destinata agli estimatori della pizza.

56

“Qualcos’altro” è innanzitutto l’attenzione alla qualità delle materie prime, alla filiera alimentare, alla realizzazione di un prodotto che si distingua da tutti gli altri.

La tradizione si sposa all’innovazione, alla ricerca, alla sperimentazione: i gusti, gli abbinamenti degli ingredienti, la qualità degli stessi… tutto è frutto di uno studio attento e della volontà di offrire al pubblico un alimento classico e genuino che sa rinnovarsi e stupire!

IMG_4682IMG_4685

E i primi a essere rimasti stupiti e incantati da “Saporì” sono stati Simona Izzo e Ricky Tognazzi, coppia frizzante e creativa nel lavoro come nella vita. Simona e Ricky, ospiti dell’Hotel Angiolieri, hanno assaggiato in anteprima assoluta alcuna dei gusti particolari che Gianfranco Iervolino in persona ha presentato alla vigilia dell’inaugurazione!

IMG_4686

E mentre Ricky si concentrava sul tripudio di sapori, profumi e consistenze delle pizze che via via arrivavano in tavola, Simona si è immediatamente lanciata in un racconto effervescente e colorito di quello che andava gustando… un vero “pizzashow” della coppia televisiva e cinematografica, che ha saputo cogliere e apprezzare la bellezza e il fascino di Vico Equense, esaltati da un panorama unico al mondo e da una pizzeria a cinque stelle battezzata proprio con la loro brillante presenza, a cui lo stesso Iervolino ha voluto far onore con la sua voce (maestro pizzaiolo e anche cantante!).7

I sapori tradizionali si affiancano alle novità suggerite: la pizza di Saporì diventa un viaggio attraverso il sud e la sua storia, i prodotti, le tradizioni che fanno l’occhiolino a nuove sperimentazioni gastronomiche, non solo di Napoli e della Campania… la Calabria, la Sicilia, il mare, la terra… tutto il sud è rappresentato nel menù, da scoprire accomodandosi su una splendida terrazza da cui lo scintillio delle luci sulle colline al tramonto, e gli ultimi raggi del sole che accarezzano la baia azzurra di Vico Equense, fanno da cornice suggestiva e di gran classe alla tavola.9

La ricercatezza dell’ambiente richiama la cultura e la tradizione artigiana della penisola: all’esterno, il pergolato è impreziosito da tavoli e sedute in maiolica, sedie in ferro battuto… la sala interna richiama, invece, le tradizioni marinare con un allestimento contemporaneo che rivisita in maniera sofisticata ma calda e accogliente la storia di questa terra.

Insomma… “Saporì: pizza e qualcos’altro” rappresenta un viaggio in cui, ancora una volta, la gastronomia di alta qualità si fonde con cultura, territorio, tradizioni e voglia di innovare!

 

 

Share Button

Similar Articles

Lascia un commento

Top