ATELIER ‘MASSIMO ORSINI COLLEZIONI’

                                               MASSIMO ORSINI COUTURE

 

16602082_3191966354110_5079061279671654425_o

Entrare in contatto con l’universo di un artista è sempre un’esperienza unica: si costruiscono mondi paralleli in piccolissimi istanti, se ne respira il vissuto, in piccolissimi dettagli, percepiti o apertamente dichiarati, che sono parte integrante della sfera più intima del suo mondo.— E, chissà perchè, il mondo di un creativo della moda, di uno stilista, ha sempre a che fare, nel nostro immaginario, con lustrini e luccicanti decori …. profumi, nuances, ispirazioni particolari, che sembrano più ricondurre al mondo delle fantasia, del sogno.

16839336_10212499888601162_118822511_n
16830400_10212499902481509_1154444662_n
16463222_747336458753867_9186883103059255182_o
16603149_10210105719373827_4270052317400630800_n
16602975_10210105720653859_8346732666366552004_n
16681856_10210105693693185_5073087986546909363_n

Chi incontra Massimo Orsini, immediatamente, ha la percezione di qualcosa di diverso. tutto, a partire dalle sue vetrine, sembra raccontare vastità, magnificenza, opulenza. ed invece, il confronto avviene semplicemente, in modo veloce. la sua gentilezza, il suo tono garbato e mai urlato, sempre pronto all’ascolto, denotano interesse, attenzione, assenza di qualsivoglia sovrastruttura, e prima ancora della conoscenza, empatia verso chiunque gli si trovi di fronte.
Da subito, emerge il pragmatismo del professionista, lo slancio. e qualcosa di lontano, una sorta di melanconia importante, qualcosa che risiede in profondità, e del quale, con discrezione ed umiltà assolute, dona ad ogni suo capo. inequivocabilmente. una radice fondata, legata ad un passato che gli appartiene, e che mantiene nel tempo, sin da bambino.

Massimo Orsini nasce a Squinzano, vicino a Lecce, nel 1968.

12640420_10207005698515243_8370079950696869880_o
16403051_1399056493447415_7545875541683555314_o
MASSIMO ORSINI
Inizia da giovane la sua esperienza di modellista nelle sartorie e nei nei defilè di moda, attingendo la sua propensione all’arte sartoriale dalla nonna, fine ricamatrice, che, insieme alle zie, lavorava alla realizzazione di collezioni, destinate ad alcune tra le più prestigiose famiglie leccesi. specializzate in ogni ambito della sartoria, persino nell’utilizzo del tombolo, tradizionale strumento di lavoro per la confezione di pizzi e merletti, esse diventano, per orsini, fonte di ispirazione nella cura del dettaglio e nella ricerca della qualità sartoriale: egli osserva con passione i quadri realizzati con seta , dipinta poi a mano, raffiguranti i riti sacri , così come gli abiti cuciti per le statue lignee, che sfilavano nelle processioni del piccolo paese salentino. spronato dalla sorella Giovanna, stilista di moda, prende l’ago, e dà inizio alla sua carriera. svariate le collaborazioni con le grandi case di moda. fino al 2011, anno in cui presenta la sua prima collezione ‘Massimo Orsini Couture’. segue, dunque, l’apertura del suo atelier a Mesagne, una bella cittadina della provincia di Brindisi, locus nel quale ricostruisce, attraverso la sua première di fidatissime sarte e collaboratrici, la stessa fedele suggestione dell’ infanzia sartoriale di famiglia. 11412178_1632044997031705_6203614320689632616_n Un galantuomo della moda, segnato, nella scelta dei modelli, dalle reminiscenze giovanili, quando, agli inizi degli anni ’70, osservava le signore indossare ancora una certa educazione nel vestire, nel modo di sedersi, di porsi agli altri. e quando guarda al passato, guarda alla moda degli anni ’50, ai grandi sarti della moda, come possono essere fausto sarli, all’estro charmant di madeleine vionnet, al grande signore della moda, ‘l’architetto’ Gianfranco Ferre’, leggero ed immediato nella struttura, capace di costruire, solo con tessuti e tagli, proposte eleganti, mai volgari, sempre adatte al contesto. tra gli altri, Ralph Lauren, con i suoi abiti puliti, mai esagerati. Carolina Herrera, Mila Schon. da mero artigiano della sartoria, attenzione e cura sono posti preminentemente nei tagli: ne consegue, dunque, una predilezione particolare per la sartorialità ‘importante’, per i tessuti da cerimonia. 12119755_10207107745069441_16065929_o (1)16640683_10210151379315297_7161480453731344991_n16682012_10210151380595329_6650384380501484110_n16730136_10210151376955238_1933724293251484091_n L’urgenza che lo muove risiede in questa affermazione: ’’realizzo abiti che siano facili da portare, l’ abito non deve costringerti.’’ per orsini, l’abito non deve nascondere, nè modificare il carattere dela persona che lo indossa, bensì essere perfettamente integrato alla persona, esprimere pienamente il carattere e la personalità di chi lo indossa. per lui l’abito incornicia il carattere, accompagna la donna. solo il connubio di questi due fattori creano il risultato perfetto. Le scelte inerenti i servizi, le proposte fotografiche e di immagine di Massimo Orsini reinventano, interpretano la femminilità, attraverso la sua personale lente di ingrandimento: attenzioni e sensibilità sono tutte rivolte alla bellezza, alla sofisticatezza, alla seduttività, dell’ambiente, così come delle sue modelle. 16807217_10210151377635255_3849477625318471077_n16298905_1092466687546159_5945245617717385086_n14225510_1299824513362163_2111888921813601636_n14434935_10202031130336476_8967841824151373727_o 14379915_10202031128336426_5121410390640533789_o Il portamento, inteso, da Massimo Orsini, come espressione della donna vera, raffigurata nella sua normalità, si evince dal modo di porsi agli altri, dalle sue forme, dalla sua delicatezza. la bellezza non è artefatta, ma riproduce una sorta di madonna moderna con echi del passato: ed allora predilige i luoghi sacri agli studi di posa. in questa prospettiva, Orsini guarda alla sacralità opulenta delle ‘donne donne’ di Scianna, della Sicilia di fine anni’80”, alla profondità della scollatura, al modo in cui questa donna siede, si muove. l’abito non è che una proiezione, un prolungamento verso l’esterno. Ecco perchè i tessuti (chiffon, georgette) diventano impalpabili, morbidi, ricchi: esprimono il corpo di chi lo indossa. orsini osserva l’abito che è riempito. ne scruta le forme, le movenze, esaltando esponenzialmente le doti e la fisicità del corpo che lo muove, senza guardare alla corporeità di chi lo indossa. così come negli oggetti del desiderio di eterna allure di Rene Gruau, Orsini è mosso dalla ricerca minuziosa del dettaglio, del materiale, di ogni orpello che faccia la differenza, che sia emblema di sensuale raffinatezza: ’’guai ad una donna senza accessori……guai ad una donna che non dà valore all’intimo..’’ con la stessa ossequiosa sacralità, costruisce la sposa, ne vede la solenne emozione, l’opulenza, la perfezione celebrativa. 14670890_10209059663223077_6231779832905795901_n In occasione di Altaroma, si è trovato a lavorare con Marina Corazziari, rivisitando alcuni dei più famosi ed indimenticati abiti di Gianni Versace. sempre rivolto, dunque, al ricordo, alla densità dei significati, massimo orsini fa rivivere, nelle sue collezioni, le suggestioni che respira nelle profonde contaminazioni del luogo: un osservatore, che scruta il folklore della sua terra, e che, attraverso i colori, i luoghi , i tempi del suo salento, costruisce abiti su una serie di emozioni e di momenti irripetibili, a contatto diretto con le sue clienti, riconducendo, ad un unico filo, i tratti più arcaici e quelli più dinamici delle donne che si affidano a lui. orsini vede l’insieme, vive nella ‘giusta distanza’, per dirla con un famoso regista ormai scomparso, e, sempre mosso da quel garbo desueto, che sempre allude e mai esplicita, raffigura la donna contemporanea attraverso la tradizione e la profonda esperienza di chi, magistralmente, riesce a costruire una sintesi perfetta tra eleganza, ricercatezza e discrezione. 16708737_10210129063077405_8359872833609212157_n

16463222_747336458753867_9186883103059255182_o

 

Share Button

Similar Articles

Lascia un commento

Top