Falsi dentisti, l’app ufficiale per scovarli sbarca su Apple Store

Cresce rapidamente l’iniziativa “DentistInApp” della Federazione nazionale

dei medici e odontoiatri presentata a Roma nelle settimane scorse

Nelle foto: Giuseppe Renzo, presidente nazionale CAO

Un’app ufficiale per scovare i 15mila falsi dentisti che in Italia fanno affari a discapito di pazienti inconsapevoli, esercitando la professione senza autorizzazione e in modo del tutto abusivo: è lo scopo dell’iniziativa “DentistInApp” voluta dalla Federazione nazionale dei medici e odontoiatri (FNOMCeO-CAO) che sta riscuotendo ampio consenso a tutela della categoria e della salute orale.

Da pochi giorni, l'applicazione, già disponibile per i sistemi operativi Google-Android, è scaricabile anche su tutti gli apparecchi Apple (iPhone, iPad e iPod touch) gratuitamente dall'App Store.

“L'obiettivo è raggiungere il numero massimo di utenti - evidenza il dott. Giuseppe Renzo, presidente nazionale Cao (Commissione Albo Odontoiatri) promotore del progetto – basterà qualche clic, comodamente dal proprio smartphone o ipad per verificare se un dentista è regolare e, in caso negativo, denunciare alle autorità competenti (Guardia di Finanza e Nas) coloro che si spacciano per operatori sanitari, soprattutto in regioni come Lombardia, Piemonte, Veneto, Campania, Sicilia, Emilia Romagna e Lazio, le più colpite dal fenomeno dell'abusivismo odontoiatrico”. Colossale anche il giro d’affari legato a questo reato: secondo i dati dei Carabinieri del NAS diffusi a dicembre, l’attività operativa ha portato, da gennaio a novembre 2017, al sequestro di strutture e materiali per un valore di 19.161.200 €, che, sommati ai quasi 70 milioni di euro dei sequestri del biennio precedente, 2015-2016, danno una cifra che supera i 90 milioni di euro. A fronte di queste cifre da capogiro, appaiono ancor più sproporzionate le sanzioni: 154.900 € nei primi 11 mesi del 2017, poco più di 455mila nel biennio precedente, circa lo 0,7%.

“I dati sono dirompenti - aggiunge Renzo - se quello dei sequestri è il valore degli investimenti che gli abusivi fanno, immaginiamo i guadagni, ovviamente illeciti e quindi ‘in nero’. Per questo, la nostra App rappresenterà un prezioso ponte tra pazienti truffati e Forze dell'Ordine”.

DentistiInApp, presentata qualche settimana fa a Roma nella sede della FNOMCeO-CAO, contiene una serie di informazioni utili, in continuo aggiornamento, per migliorare i rapporti tra il cittadino, gli odontoiatri e la Commissione Albo Odontoiatri. E' divisa in due sezioni e consente di utilizzare una molteplicità di strumenti utili agli utenti anche per aumentare il livello della salute del cavo orale.

 

Giuseppe Renzo, presidente nazionale CAO

L’applicazione DentistInApp

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *