You are here
Home > Arredamento > Pietro Del Vaglio, il top degli interior designer. L’intervista

Pietro Del Vaglio, il top degli interior designer. L’intervista

Pietro Del Vaglio, il top degli interior designer. L’intervista

Siamo qui con uno degli interior designer più eleganti e richiesti degli ultimi anni, Pietro Del Vaglio, il suo stile e il suo lavoro ha raggiunto dei risultati notevoli, tanto che la sua fama ha sdoganato i confini nazionali.

 

Pietro, come trovi ispirazione per i tuoi lavori?

Primaria è la richiesta del committente. Le sue esigenze sia funzionali che estetiche diventano lo starter per iniziare a costruire un concept. A questo punto il mix di regole progettuali unite al mio bagaglio culturale e di esperienze genera una nuova creazione. Le fonti dalle quali traggo ispirazione sono molteplici, una mostra d’arte, un’opera teatrale, il cinema , la natura, e non ultimo i viaggi importantissimi per nutrirmi di nuove culture ricche di differenti linguaggi, sia formali che cromatici.

Come scegli i colori e le linee?

Una regola dalla quale non posso prescindere è il contesto nel quale è inserito il progetto al quale lavoro . È evidente che tra una casa al mare , in campagna, montagna o città l’esterno influenza fortemente la scelta cromatica , la luce esterna è pregna di vibrazioni cromatiche che cambiano a seconda dei contesti sopra elencati. Le linee devono creare un dialogo con l’esterno ecco che la città mi suggerisce linee rette, mare campagna linee più sinuose, quasi a voler proseguire ciò che dall’esterno si proietta nell’interno.

Come è nata la tua passione per la progettazione e l’arredo?

Francamente non penso che una passione nasca, la conteniamo già, esiste invece un momento in cui ne diventi consapevole. Io da bambino avevo massomo 10 anni e iniziavo a progettare il presepe già a fine ottobre, lo costruivo con strutture in legno sulle quali modellare la cartapesta per creare il paesaggio e costruivo a mano in cartone le singole casette, un dettaglio che da adulto oggi mi sorprende è quello dell’uso del cartone ondulato per fare i tetti , simulando così le tegole e cartone liscio per le facciate. Tutto era naturale per me, già scritto nel mio dna.

Preferisci lavorare in Italia o all’estero?

Ho bisogno di entrambe le realtà, si rafforzano a vicenda. È una maniera per restituire al mio committente italiano una realtà progettuale di respiro più ampio e viceversa contenere nel mio cliente estero talvolta delle enfatizzazioni che l’enorme patrimonio culturale ed artistico di noi italiani ci impone naturalmente di fare. Tengo anche a precisare che lavorare su territorio italiano impone una versatilità ed elasticità non da poco , operare in Campania , non è la stessa cosa di operare in Toscana , Umbria , Puglia , o Lombardia .Attualmente sto lavorando a due residenze all’Estero entrambe molto impegnative per superficie e complessità costruttive , ed in Italia a diverse progetti sia residenziali che commerciali.

 

 

Share Button

Similar Articles

Lascia un commento

Top