You are here
Home > Impresa > VIAGGIO SENSORIALE TRA NATURA E GUSTO CON LEONARDO DA VINCI AL MUSEO PIAGGIO.

VIAGGIO SENSORIALE TRA NATURA E GUSTO CON LEONARDO DA VINCI AL MUSEO PIAGGIO.

SPECIALE EVENTO IN PARTENARIATO TRA LA FONDAZIONE PIAGGIO E LA CHAINE DES ROTISSEURS-BAILLIAGE TOSCANA FRANCIGENA .



Nella prestigiosa sede del Museo Piaggio e della Fondazione Piaggio in Pontedera, alla presenza di selezionati ospiti, studiosi ed accademici, autorità tra cui il Sindaco di Pontedera Matteo Franconi ed Vicesindaco Alessandro Puccinelli…

Venerdì 31 gennaio 2020, nella prestigiosa sede del Museo Piaggio e della Fondazione Piaggio in Pontedera, alla presenza di selezionati ospiti, studiosi ed accademici, autorità tra cui il Sindaco di Pontedera Matteo Franconi ed Vicesindaco Alessandro Puccinelli, Vips è andato in scena un evento celebrativo del genio eclettico di Leonardo in due atti: “Leonardo e la Natura” ed “A Cena con Leonardo”, quali cammei tratti dal progetto “Leonardo Inedito”, predisposto e curato dalla Chaine des Rotisseurs - Bailliage Toscana Francigena . Infatti il progetto “Leonardo Inedito” ha trovato ambito, in accordo di partenariato con la Fondazione Piaggio, nel più ampio ed articolato cartellone degli eventi collaterali alla Manifestazione della Fondazione Piaggio dal titolo”Leonardo e Dintorni”, celebrativa dei festeggiamenti del 500mo di Leonardo da Vinci, ed in programma dal 18 dicembre 2019 al 22 febbraio 2020 presso il Museo Piaggio in Pontedera.

Il Presidente de La Fondazione Piaggio e la Presidente de la Chaine Des Rotisseurs – Bailliage Toscana Francigena, rispettivamente Riccardo Costagliola ed Elettra Giovanna Livreri, in perfetta sintonia culturale ed intesa progettuale, hanno introdotto lo speciale evento con l’intervento “Leonardo e la Natura”, curato dal noto Naturopata Dr. Marco Pardini di Viareggio, che ha tenuto agli attenti ospiti una lectio magistralis sulla natura al tempo di Leonardo da Vinci, ed in particolare sulle erbe (intese officinali) e gli erbi (intesi da tavola) e come lo stesso ne facesse uso per lo sfondo dei suoi quadri e per l’uso in cucina, essendo Leonardo un grande e rispettoso osservatore della natura ed un eccellente gourmet (famosi restano i disegni di spiedi e girarrosti automatizzati). A questo primo momento è seguito il secondo: “A Cena con Leonardo”; momento conviviale curato dalla Vice Chancelier della Chaine Toscana Francigena, Marzia Frascatani, in sinergia con le responsabili degli eventi della Fondazione Piaggio: Annalisa Rossi e Sabrina Caredda; e predisposto dal prestigioso catering di Pisa “Del Carlo Catering”, che ha curato l’allestimento della sala e della tavola da pranzo rinascimentale all’interno del Museo Piaggio tra i motocicli e le moto che hanno reso grande il marchio Piaggio nel mondo intero. Un particolare trionfo floreale rinascimentale con candele a cera è stato ideato e realizzato per l’occasione dalla docente del Garden Club di Livorno, nonché Vice Presidente della Scuola S.I.A.F Maisi Gozzi Razzauti.

Il particolare set scenografico della Cena leonardiana è stato costituito dalla memoria tangibile della Piaggio con le collezioni delle Vespa (dai prototipi del 1945 alla Vespa GTV del 2006), dei Gilera (dalla moto VT 317 del 1909 alla RC600 Parigi-Dakar del 1991) accanto ai più significativi prodotti di Piaggio (motori aeronautici degli anni Trenta, una locomotrice ferroviaria del 1936, l'aereo P148 del 1951, l'Ape, il Pentarò, il Ciao, gli scooter di ultima generazione come l'MP3 e quelli elettrici). Insomma un contesto fantastico per un evento unico nel suo genere. Lo speciale banchetto per 150 privilegiati ospiti, si è basato su un raro menù rinascimentale tratto da un cinquecentesco ricettario di Leonardo Da Vinci, che lo stesso ebbe ad elaborare nell’A.D.1491 per il banchetto nuziale del suo committente, Il Duca di Milano Ludovico il Moro con la nobildonna Beatrice D’Este. Dal ricettario ricontestualizzato di Leonardo, i cui diritti sono appannaggio esclusivo della Chaine D.R. Toscana Francigena, sono state tratte le cinque ricette che hanno costituito il prezioso menù reinterpretato dallo Chef Giuseppe Scarpellini, prossimo Chef Professionnel de la Confrérie de la Chaine des Rotisseurs. Infatti, sul finire della bellissima cena, allietata da un duo musicale rinascimentale per arpa e flauto, è stato annunciato agli ospiti l’ingresso dello Chef nella Confrérie enogastronomica de la Chaine D.R., che è una delle più importante di settore a livello internazionale. La serata ha goduto di prestigiosi patrocini e diversi sponsor tra i quali la UnicoopFirenze.

La scelta per il vino rinascimentale e da servire durante il banchetto è ricaduto sui vini del Castello di Luzzano dell’avvocato Giovannella Fugazza, etichetta Tasto di Seta, malvasia in purezza, detto il “vino di Leonardo”. Ancora oggi eccellente! L’evento è stato preceduto da un gradito “antipasto culturale” consistente nella visita alla “Mostra su Leonardo”, allestita in occasione della manifestazione “Leonardo e Dintorni” all’interno del Museo Piaggio, in sinergia con l’Istituto di Robotica Sant’Anna - Scuola Universitaria Superiore di Pisa- e il Museo Leonardiano di Vinci e curata dalla Prof.ssa Sara Taglialagamba, autorevole storica e ricercatrice esperta di Leonardo. La visita è stata guidata dallo studioso, scrittore ed editore Michele Quirici de la Tagete editori di Pontedera, che ha collaborato con la storica Sara Taglialagamba all’allestimento della mostra.

Per i compiaciuti ospiti, l’intera serata è stata un susseguirsi di scoperte culturali ed esperienze eno-gastronomiche di alto livello in un contesto infinitamente suggestivo quale è il Museo Piaggio. Una organizzazione piacevolmente armonica quella voluta dai determinati presidenti della Fondazione Piaggio e della Chaine Toscana Francigena. Un evento che ha confermato l’operato della Chaine Des Rotisseurs in Italia, decisa a divulgare la diffusione della cultura della tavola, della convivialità, dell’amicizia senza confini e soprattutto del valore assoluto della diffusione e conoscenza della cultura dei saperi e dei sapori espressi dalle eccellenze dell’eno-gastronomiche nel nostro paese; valori sempre in linea con l’essenza e la missione della Confrèrie de la Chaine Des Rotisseurs: il piacere della tavola, dell’accoglienza ed il valore dell’amicizia.






Share Button

Similar Articles

Top