Alla Fiera Antiquaria di Arezzo il primo raduno dei Dandy d’Italia

 

STEFANO-AGNOLONI3_br (1)

 

 “Il dandysmo, a modo suo, è un tentativo di affermare l’assoluta modernità della bellezza. Il futuro appartiene al dandy. Saranno le persone squisite a governare”. Se la pensate come Oscar Wilde (suo questo aforisma), se ammirate lo stile del giornalista Oscar Giannino oppure se a ogni outfit di Lapo Elkann fate seguire un “oooh”, c’è evento in dirittura d’arrivo per voi.

Quest’anno, a prendere sotto braccio la Fiera Antiquaria di Arezzo, ci sarà infatti l’eleganza e il bon ton del primo raduno Dandy in Italia, officiato dal gran cerimoniere Stefano Agnoloni, maestro di stile e l’uomo immagine dell’evento e dall’ideatore del progetto Alessio Ginestrini, esperto barbiere di Arezzo.

Uomini eleganti, l’1 e il 2 luglio, si aggireranno tra le 400 bancarelle antiquarie in un percorso storico-artistico ed enogastronomico che porterà gli “Oscar Wilde” del Terzo Millennio alla scoperta dei tesori nascosti della città.

L’idea di questo evento unico nel suo genere in Italia è molto semplice: creare una manifestazione, precisamente ad Arezzo in concomitanza con la fiera antiquaria che ha già un suo vasto pubblico, facendo coincidere due modi diversi di essere vintage e retrò.

Arezzo in questo senso si presenta come il luogo ideale di questo incontro, incorniciato dalla bellezza storica della città. Personaggi d’altri tempi, pazzi per i bei tempi andati, faranno incetta di oggetti antichi e ricercati.

 

Uomini eleganti, l’1 e il 2 luglio, si aggireranno tra le 400 bancarelle antiquarie in un percorso storico-artistico ed enogastronomico che porterà gli “Oscar Wilde” del Terzo Millennio alla scoperta dei tesori nascosti della città.

STEFANO-AGNOLONI
STEFANO-AGNOLONI
L’idea di questo evento unico nel suo genere in Italia è molto semplice: creare una manifestazione, precisamente ad Arezzo in concomitanza con la fiera antiquaria che ha già un suo vasto pubblico, facendo coincidere due modi diversi di essere vintage e retrò. Arezzo in questo senso si presenta come il luogo ideale di questo incontro, incorniciato dalla bellezza storica della città. Personaggi d’altri tempi, pazzi per i bei tempi andati, faranno incetta di oggetti antichi e ricercati. Le bancarelle della fiera più grande e più bella tra i mercati antiquari all’aperto – grazie anche al contesto storico e architettonico in cui si svolge – diventeranno spazi di ricerca per i gentleman che vorranno trovare quel “pezzo” particolare che renderà unico l’outfit, le collezioni personali e la dimora dei nostri dandy.

Nell’attesa del cinquantesimo anniversario della Fiera Antiquaria, la prima e la più grande d’Italia, che cade nel 2018, Arezzo, la città d’arte di Petrarca, Guido Monaco, Vasari, Piero della Francesca e Cimabue, si prepara a festa, celebrando il suo inventore, Ivan Bruschi, per un fine settimana che “colleziona” il meglio, con tanti eventi e mostre nel centro storico, dal teatro sui balconi all’estemporanea di pittura, passando per la lirica. Perché se è vero, come diceva un altro grande dandy di nome Gaudì che “l’originalità consiste in un ritorno alle origini“, non c’è occasione migliore di questa due giorni vintage per scoprire come uno sguardo al passato sia così proiettato verso stili di vita del presente e del futuro, alla ricerca del gusto, il pezzo unico e raro, l’eleganza e appunto l’originalità, vera cifra di questa manifestazione ma anche dello stesso Dandy day.

Ai DANDY Days di Arezzo 2017 ci sarà spazio anche per l’approfondimento a coronamento della due giorni aretina dei Dandy di tutt’Italia.

Domenica 2 luglio allo storico Caffè dei Costanti di Arezzo (Piazza San Francesco, 19-20) dalle ore 13,30 è in programma una tavola rotonda sul dandismo e i suoi protagonisti moderata da Francesco Maria Rossi, scrittore, dandy e collezionista di cimeli kitsch. L’incontro è aperto agli invitati, ai giornalisti e ai blogger del settore, oltre naturalmente i tanti turisti già in città per il weekend antiquario. Per accreditarsi rivolgersi  all’ufficio stampa e comunicazione del DANDYdays 2017, Francesca Garavini, cell. 393 6634913.

BIO ORGANIZZATORI Dal 2015 Alessio Ginestrini e Stefania Severi, titolari dell’Impero Progressivo – un salone di bellezza alle porte della città – di mese in mese alla fiera antiquaria portano avanti i con grande fierezza una tradizione che si perde nella notte dei tempi, quella del Barber Shop, o meglio del barbiere, quando ancora il mestiere si svolgeva per strada in mezzo alle persone che in attesa dei servizi del coiffeur tramandavano storie e racconti che sono arrivati fino a noi. La passione per le origini e per il loro lavoro li spinge, ogni prima domenica del mese per beneficenza, a scendere in Piazza Grande davanti alla fontana del Vasari, offrendo i servizi di barbiere, lustrascarpe, menestrello e acconciatura per signora in stile retrò. Stefano Agnoloni – maestro di stile e buone maniere – sarà il cerimoniere del primo raduno Dandy in Italia. Stefano, discendente da un’antica famiglia nobile fiorentina, ha 46 anni e abita nel cuore della bella campagna toscana. Si considera un artista a 360 gradi: ha studiato lirica e recitazione, fa musical, ama la vita all’aria aperta e realizza composizioni floreali per eventi speciali. Oltre ai fiori, la sua vera passione sono i cavalli e levrieri. Profondo conoscitore di lifestyle, set designer di professione, volto di Carrefour Italia, da poco tempo è anche esperto mentore a “Selfie”, il programma condotto da Simona Ventura in onda in prima serata ogni lunedì su Canale 5 che “prende a braccetto” i concorrenti – grazie alla collaborazione di un gruppo di specialisti al servizio del programma – in un percorso di rinascita e rinnovamento, regalando loro l’opportunità di ricominciare proprio da se stessi. Agnoloni è stato scelto dalla Carrefour Italia per vestire i panni di “Mister V”: un nobile toscano, che ama il cibo gourmet e il buon vino. Un uomo elegante che si gode la vita, pronto a condividerne i segreti con pochi fortunati eletti. Dalle regole del bon ton a suggerimenti sui vini e viaggi alla ricerca del vitigno migliore, il “nobile” guida il pubblico in un percorso tra le migliori etichette, italiane e non solo. Il primo video della Carrefour condiviso sulla pagina Facebook del brand è diventato virale e ha registrato più di mezzo milione di visualizzazioni. LINK UTILI https://www.facebook.com/DANDYdays2017/ http://www.fieraantiquaria.org/ https://www.facebook.com/ComuneDiArezzo/ https://www.facebook.com/fierantiquariadiarezzo/ https://www.instagram.com/fiera_antiquaria_arezzo/ www.mercatinodellepulciarezzo.it https://www.facebook.com/mercatinodellepulciarezzo/ https://www.instagram.com/mercatinodellepulciarezzo/

PROGRAMMA DANDYDays – Fiera Antiquaria di Arezzo 1-2 luglio 2017 SABATO 1 LUGLIO Visita guidata gratuita riservata ai dandy Ore 16,30 A partire dalla barberia retrò en plein air nella splendida cornice di Piazza Grande, si farà visita al trecentesco Palazzo di Fraternita dei Laici, in un percorso che dalla statua in bronzo della Minerva, accompagnerà i nostri amici dandy poi al Museo dell’Oro e infine, in un viaggio nel tempo, alla Torre dell’Orologio, famoso in tutto il mondo per l’ingegnoso meccanismo che oltre l’orario indica anche le fasi lunari. posti limitati si consiglia la prenotazione cell. 320 5538386 Aperitivo di gala anni Venti in Fortezza Ore 19 Si farà poi tappa nella Fortezza Medievale di Arezzo per un suggestivo aperitivo di gala al tramonto in stile anni ’20 dedicato al mondo del “Grande Gatsby” accompagnati dalle note di un’orchestra jazz di ben venti elementi, la Daisy Swing Orchestra. Cena sotto le stelle nella terrazza della Fraternita ore 20,30 posti limitati si consiglia la prenotazione cell. 320 5538386 Per chiudere in bellezza la giornata, i nostri dandy saranno invitati nella terrazza del trecentesco palazzo della Fraternita dei Laici, affacciata su Piazza Grande, per una cena esclusiva curata dal ristorante “Le Logge Vasari”. Menù Riso carnaroli con pistacchi, fiori di zucca e gocce di burrata Millefoglie di chianina sotto sale, tegola di pane nero e pinzimonio di verdure Involtini di melanzane con cuore morbido Cubi di anguria Vini tenute di Fraternita DOMENICA 2 LUGLIO Visita guidata gratuita riservata ai dandy ore 9,30 Marco Giustini, guida professionista di Arezzo, ci accompagnerà alla scoperta della “Città Perduta” posti limitati si consiglia la prenotazione cell. 347 2429711 9.30: ritrovo in piazza della Libertà, di fronte al Palazzo del Comune 9.45: ingresso nella Cattedrale 10.25: passeggiata lungo il Borgo Maestro 10.35: ingresso nella Pieve di S. Maria 11.00: passeggiata e arrivo in Piazza Grande Sosta per caffè, bagno e giro per i banchi della Fiera 11.30: ripresa della visita e passeggiata al Prato 11.50: ingresso nella Fortezza di Arezzo 12.30: fine della visita Pranzo a buffet al Caffè dei Costanti ore 12,45 Assortimento di finger food con prodotti del territorio in “veste dandy”. Si parte con una panzanella all’aretina, per poi fare il giro del mondo sconfinando in un cuscus mediterraneo con pesce non grasso. Ribollita e pappa al pomodoro estiva, schiacciate farcite con profumi d’inizio estate. Il tutto condito con rigorosa semplicità: il vero protagonista è l’ospite. Piazza San Francesco, 19-20 Arezzo euro 20 – posti limitati si consiglia la prenotazione cell. 320 5538386 N.B. Vi sono luoghi in ogni città, testimoni di particolari momenti o di intere epoche della sua vita. Il Caffè dei Costanti (nato nel 1804) è per Arezzo uno di questi luoghi. Si trova nella storica piazza che ospita i banchi della fiera e la Chiesa di San Francesco scrigno de “La storia della vera Croce” di Piero della Francesca. Famoso per essere stato scelto da Roberto Benigni nel 1997 per l’ambientazione di alcune scene del film “La vita è bella”, Premio speciale della Giuria al Festival di Cannes 1998 e vincitore di tre Premi Oscar. L’evento ha permesso ad Arezzo e al Caffè dei Costanti di essere conosciuti in tutto il mondo. Tavola rotonda sul Dandismo al Caffè dei Costanti ore 13,30 Francesco Maria Rossi presenterà una tavola rotonda per parlare del dandismo e dei suoi protagonisti, accompagnato dall’esperto di lifestyle Stefano Agnoloni

Un appuntamento assolutamente da non perdere quello di domenica prossima 2 luglio, all’ora di pranzo, presso lo storico Caffè dei Costanti di Arezzo. A coronamento della due giorni aretina dei Dandy di tutt’Italia, verrà presentata la prima tavola rotonda dedicata al dandismo e ai suoi protagonisti. A coordinare l’incontro sarà Francesco Maria Rossi, scrittore, dandy e collezionista di cimeli kitsch. Famoso per essere l’ideatore del Museo di Se Stesso & Kitsch e autore insieme a Giovanni Raspini del galateo “L’Eleganza del Rospo – Manuale postmoderno di buona educazione e cattivi pensieri”. Ma che cos’è un dandy? Forse è più semplice dire che cosa sicuramente non sia. Riducendo tutto a puro estetismo, molti confondono il dandismo con lo snobismo, facendo l’errore più grande del mondo: perché essi sono l’uno il contrario dell’altro. Lo Snob è un arrampicatore sociale, il Dandy crea invece la sua unità con i mezzi estetici che gli sono propri, disposto al sacrificio estremo pur di non essere conformista e sine nobilitate. Ci spiega Stefano Lanuzza nel suo Vita da dandy: “Alla dominante volgarità, il dandy oppone la sua solitaria eleganza morale fatta di sobrio individualismo e ironia critica. Egli vive contro i dogmi del denaro, del profitto, del successo: esule, straniero, indifferente ai traffici del mondo, niente conta per lui più della libertà e della nobiltà d’animo…”. Un santo allora? No, forse solo un demonio, un ribelle che cammina su di un filo traballante teso sull’abisso dell’infinito. Per questo il mondo ha bisogno dei Dandy, e Arezzo ne sarà testimone.

L’incontro è aperto agli invitati, ai giornalisti e ai blogger del settore, oltre naturalmente i tanti turisti già in città per il weekend antiquario. Accrediti stampa/blogger: cell. 393 6634913 – francesca.garavini@gmail.com Visita guidata gratuita riservata ai dandy ritrovo ore 15,10 – partenza ore 15,20 nel sagrato della Chiesa di San Francesco Il centro guide di Arezzo e Provincia è lieto di illustrare ai dandy il capolavoro del maestro della prospettiva, un capolavoro mondiale dell’artista più importante del primo rinascimento Piero della Francesca: il ciclo di affreschi de “La leggenda de la vera croce” conservato nella cappella maggiore della basilica di San Francesco.

piazza-grande_
piazza-grande_
fiera_antiquariato_arezzo1
fiera_antiquariato_arezzo1

fiera_antiquariato_arezzo3
Share Button

Lascia un commento

Top