You are here
Home > Spettacoli > DUE RAGAZZE DI SAN FIOR (TREVISO) VINCITRICI DEL PROGRAMMA “ROB-O-COD”, IL TORNEO NAZIONALE DI CODING DI RAI GULP.

DUE RAGAZZE DI SAN FIOR (TREVISO) VINCITRICI DEL PROGRAMMA “ROB-O-COD”, IL TORNEO NAZIONALE DI CODING DI RAI GULP.



MILANO: RAI RAGAZZI PUNTA AD AVVICINARE I GIOVANI ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA, SUPERANDO GLI STEREOTIPI DI GENERE.

 

Se l’immagine classica del genio della programmazione informatica è un ragazzo nerd, bisogna ricredersi.

E’ la squadra ICY, composta da Siria Dall’Anese e Giada Piccoli, studentesse dell’Istituto Comprensivo Statale di San Fior (TV), che si è aggiudicata la vittoria finale di Rob-O-Cod, il game-show di Rai Ragazzi che mette alla prova i ragazzi sulle loro competenze nel coding tramite un’avvincente gara di robot.

Se l’immagine classica del genio della programmazione informatica è un ragazzo nerd, bisogna ricredersi. E’ la squadra ICY, composta da Siria Dall'Anese e Giada Piccoli, studentesse dell’Istituto Comprensivo Statale di San Fior (TV), che si è aggiudicata la vittoria finale di Rob-O-Cod, il game-show di Rai Ragazzi che mette alla prova i ragazzi sulle loro competenze nel coding tramite un’avvincente gara di robot.
end winners

icy vincitore ROBOCOD 2020

P28 Finali UgoRobot-Icy

podio 2

Le giovani vincitrici, quattordicenni, hanno ottenuto il punteggio più alto al termine di 28 appassionanti puntate, a cui hanno partecipato 16 squadre provenienti da scuole medie di tutta Italia. “Avvicinare i ragazzi e le ragazze alla scienza e alla tecnologia è una componente importante della missione del servizio pubblico, in un Paese come il nostro in cui i laureati in materie scientifiche sono ancora pochi” commenta Luca Milano, direttore di Rai Ragazzi. “Voglio congratularmi con le due vincitrici, con la loro scuola e i loro insegnanti. Il programma Rob-O-Cod unisce competenze informatiche, spirito di squadra in un quadro di agonismo e divertimento. La gara è stata serrata ed è notevole che in finale abbia vinto una squadra femminile, anche per smentire i tanti stereotipi secondo cui informatica e robotica siano appannaggio dei maschi”. Le sedici squadre, con la guida dei due tecnoconduttori Zero (Matteo Sintucci) e Uno (Silvia Lavarini), si sono sfidate su campi di gara ispirati a mondi fantastici, dal medioevale al post apocalittico, dalla fantascienza all’horror.

vincitrici

In ogni puntata i giovani robocoder programmano i loro robot che devono affrontare un percorso pieno di insidie ed ostacoli cercando di guadagnare il maggior numero di punti, i bitpoint necessari per decretare il vincitore di puntata. Ogni squadra ha a disposizione un tempo limitato per testare i campi gara e programmare le stringhe di coding adatte a superare gli ostacoli. Finita la fase di test, inizia la vera e propria gara con clamorosi e imprevedibili colpi di scena.

Winner

Le registrazioni delle gare sono state realizzate presso il Centro Rai di Torino poco prima del lockdown di marzo. Rob-o-cod, giunto alla seconda edizione, è una produzione originale Rai Ragazzi in collaborazione con il CRIT, Centro ricerche Innovazione Tecnologica Rai, con la regia di Andrea Apuzzo. Le due stagioni sono integralmente disponibili su Rai Play.





 

Share Button
Advertisement

Similar Articles

Top