A Palazzo Braschi – Roma in mostra Canaletto

In occasione del 250° anniversario della sua morte, si terrà a Roma una importante mostra su Giovanni Antonio Canal (1697-1768), più comunemente noto come il Canaletto, pittore ed incisore veneziano tra i più noti del Settecento europeo.

Figlio dello scenografo Bernardo Canal, che realizzava soprattutto sfondi per i teatri, all’inizio il Canaletto riprende dal padre il gusto dell’ “illusione” nell’arte che lo porta alla elaborazione di disegni fantasiosi e “capricci” in cui il paesaggio viene composto attraverso una personale combinazione di elementi architettonici reali o fantastici.

Successivamente, però, il suo stile cambia, diviene più personale tanto da essere visto come l’antesignano di quel vedutismo veneziano in cui il paesaggio, pur mantenendo la cura minuziosa del dettaglio e della prospettiva, non viene riprodotto come una fotografia ma si arricchisce della fantasia dell’autore che non esita a cambiare architetture e colori per rendere meglio gli effetti luminosi dei diversi momenti della giornata.

olio su tela, cm 124,5 x 204,5
Boston, Museum of Fine Arts
Abbott Lawrence Fund, Seth K. Sweetser Fund, e Charles Edward French Fund
Queste caratteristiche sono ben messe in evidenza nelle 68 opere in mostra, tra dipinti disegni e documenti, che ripercorrono l’intera vita artistica del protagonista che a buona ragione è così divenuto, in un certo senso, il più grande ambasciatore della bellezza di Venezia nel mondo; quella stessa Venezia che circa un secolo dopo venne definita da Monet città “troppo bella per essere dipinta”; e proprio in ciò risiede il genio del Canaletto: aver trasformato nei suoi dipinti la fredda rappresentazione di una città che da sempre ha spaventato gli artisti per la sua bellezza reale in immagini che la sua fantasia, insieme al suo virtuosismo tecnico, la rendono quasi irreale. Ancora in vita la sua fama si estese in tutta l’Europa tanto da essere chiamato a Londra dove rimase per oltre dieci anni producendo ininterrottamente lavori con vedute panoramiche dei ponti sul Tamigi, dei parchi inglesi e di scene di vita mondana.

Ciò spiega la presenza nella mostra di numerose opere provenienti da collezioni britanniche private , oltre che dalla National Gallery di Londra come pure dal Metropolitan Museum of Art di New York, dal Museo Pushkin di Mosca e dal Kunsthistorisches Museum di Vienna. Interessante è anche la presenza di due opere, “Il Canal Grande da nord verso il ponte di Rialto” e “Il Canal Grande con Santa Maria della Carità”, appartenenti alla Pinacoteca Gianni e Marella Agnelli, esposti al pubblico per la prima volta insieme ad un manoscritto della Biblioteca Statale di Lucca che ne riporta le varie fasi della realizzazione.

La mostra sarà aperta dall’11 aprile al 19 agosto nel maestoso Palazzo Braschi, nel cuore rinascimentale di Roma, costruito a partire dal 1792 su progetto dell’architetto Cosimo Morelli per volere del Papa Pio IV che volle farne dono al nipote Luigi Braschi.

Articolo di Riccardo Bramante

 

Share Button

Lascia un commento

Top